Jacopo ha completato gli studi a Genova presso il Conservatorio “N. Paganini” sotto la guida di Nevio Zanardi e ha conseguito la laurea di secondo livello presso il Conservatorio di Alessandria sotto la guida di Claudio Merlo nel 2010. Molto importante è stato l’incontro con Antonio Meneses.

Jacopo ha lavorato come libero professionista in Italia per diversi anni, sviluppando parallelamente interessi per la musica antica e l’esecuzione del repertorio in stile filologico.

Nel 2016 si è trasferito nei Paesi Bassi, dove risiede, per approfondire le conoscenze della musica antica e nel 2019 ha terminato gli studi, in violoncello storico, presso il Conservatorio di Utrecht sotto la guida di Viola de Hoog, con speciale menzione ed apprezzamento per l’esecuzione del proprio arrangiamento del concerto di Schumann per solo e quintetto d’archi. Oltre all’interesse dell’intero repertorio per violoncello fino all’epoca romantica, ha approfondito gli studi del basso continuo negli strumenti a corda, spaziando dal “basse de violon” al violone in sol, dal repertorio francese a quello italiano nel XVII secolo.

Attualmente lavora come libero professionista collaborando con diversi gruppi come NPU, diretta da Johannes Leertouwer, Apollo Ensemble e Concerto Köln.

Nel settembre 2020 ha fatto parte della Collegium Vocale Gent Academy diretta da Philippe Herreweghe. Recentemente, è stato invitato dal Quartetto Narratio per l’esecuzione di Verklärte Nacht di Schönberg nella serie di concerti organizzata
dall’ Académie Européenne de Musique Ancienne de Vannes. 
Nel 2021 ha partecipato alla prima edizione del concorso internazionale “Beethoven in seiner Zeit” in duo con la pianista Anastasiya Akinfina classificandosi tra i primi cinque finalisti ed ottenendo un premio speciale di merito.

Suona uno strumento anonimo di liuteria bavarese costruito intorno al 1780.

 

Jacopo ha completato gli studi a Genova presso il Conservatorio “N. Paganini” sotto la guida di Nevio Zanardi e ha conseguito la laurea di secondo livello presso il Conservatorio di Alessandria sotto la guida di Claudio Merlo nel 2010. Molto importante è stato l’incontro con Antonio Meneses.

Jacopo ha lavorato come libero professionista in Italia per diversi anni, sviluppando parallelamente interessi per la musica antica e l’esecuzione del repertorio in stile filologico.

Nel 2016 si è trasferito nei Paesi Bassi, dove risiede, per approfondire le conoscenze della musica antica e nel 2019 ha terminato gli studi, in violoncello storico, presso il Conservatorio di Utrecht sotto la guida di Viola de Hoog, con speciale menzione ed apprezzamento per l’esecuzione del proprio arrangiamento del concerto di Schumann per solo e quintetto d’archi. Oltre all’interesse dell’intero repertorio per violoncello fino all’epoca romantica, ha approfondito gli studi del basso continuo negli strumenti a corda, spaziando dal “basse de violon” al violone in sol, dal repertorio francese a quello italiano nel XVII secolo.

Attualmente lavora come libero professionista collaborando con diversi gruppi come NPU, diretta da Johannes Leertouwer, Apollo Ensemble e Concerto Köln.

Nel settembre 2020 ha fatto parte della Collegium Vocale Gent Academy diretta da Philippe Herreweghe.

Recentemente, è stato invitato dal Quartetto Narratio per l’esecuzione di Verklärte Nacht di Schönberg nella serie di concerti organizzata dall’Académie Européenne de Musique Ancienne de Vannes.

Nel 2021 ha partecipato alla prima edizione del concorso internazionale “Beethoven in seiner Zeit” in duo con la pianista Anastasiya Akinfina classificandosi tra i primi cinque finalisti ed ottenendo un premio speciale di merito.

Suona uno strumento anonimo di liuteria bavarese costruito intorno al 1780.